clicca sulla copertina per entrare nel mondo dei miei libri


domenica 21 aprile 2013

Il senso del pudore di una spudorata per natura

Quanto mi dà fastidio vedere ragazze belle, intelligenti e simpatiche perdersi dietro un uomo che non le merita.
È proprio un fastidio fisico, ecco. 
Un tempo queste ragazze stavano a casa, attaccate al filo di un telefono che non squillava mai; interi week-end passati tra le quattro mura della propria stanza, tra lacrime e speranza, sempre più convinte di non valere nulla solo perché lui non le richiamava.
Poi c’è stato l’avvento dei telefonini, seguiti a ruota da smartphone e social network, e lì è stato anche peggio.
Perché oggi queste ragazze escono, ma le vedi lì, sedute al tavolino di un bar o di un pub, circondate da amici che letteralmente ignorano, perse come sono ad armeggiare con quei maledetti aggeggi, appese alla speranza di un suo messaggio privato su FB, di un cenno su Wazzup (si scrive così?), o almeno di un aggiornamento di status, tanto per accertarsi che il lui in questione sia vivo e non perso nei labirinti orgiastici con qualche troione biondo e rifatto (sto interpretando il pensiero di codeste ragazze eh, non fraintendetemi!).
E qui veniamo a uno dei motivi per cui io non ho né i-phone, né uno straccio di smartphone (anche se aimé presto, causa lavoro e necessità di controllare spesso la mail, potrei trovarmi a doverlo comprare… ma sto cercando di rimandare quel momento con tutte le mie forze).
Non ne sento il bisogno. 
Se sono fuori, con i miei amici, è con loro che voglio stare… sennò restavo a casa, no? Voglio essere presente in ogni luogo in cui vado, voglio godermi appieno la natura, la mia Capiroska, i miei amici, il buon sesso, gli incontri, l’aroma del caffè e l’ultima crostata che ho sfornato senza vivere nell’impellenza di pubblicare tutte le foto su FB.
Quello al massimo lo farò dopo, comodamente, da casa.
Sto parecchio su FB, perché è un modo per illudermi di non stare lavorando quando invece, mio malgrado, passo ore al computer per scrivere, editare, correggere e tutto ciò che il lavoro mi impone; scrivo anche parecchi status e parecchie cazzate che mi passano per la mente, e rido quando vedo come la gente le prende sul serio e pretenda di conoscermi attraverso quello che scrivo.
No, le cose davvero importanti non si scrivono su FB. 
Almeno io non le ho mai scritte.
È il pudore di una spudorata per natura: nei miei pensieri più segreti, inconfessabili, a volte persino perversi, ci entrano solo in pochi. Forse in tutta la vita non si contano sulle dita di una mano.
FB è uno scherzo sociologico, è un esperimento che divertente, che dà molto materiale su cui riflettere e su cui scrivere.
Non ho la pretesa di giudicare, perché il giudizio è la peggior forma possibile di approccio per chi vuol comprendere la natura umana; o, quanto meno, quel poco di comprensibile che vi è in essa.
Il resto è pura irrazionalità, e davvero è decisamente meglio così.
Ciò che si afferra con la razionalità, raramente ha fascino; ciò che posso ottenere come e quando voglio, raramente stuzzica il mio interesse, o anche solo un barlume di curiosità.
Forse è che voglio vivere nel costante tentativo di afferrare l’inafferrabile, di catturare quell’attimo che mi faccia sentire viva per davvero, nella vita reale dico, sensazioni che solo dopo potrò riportare sul virtuale, preferibilmente tra le pagine di un mio libro o racconto.
Non voglio vivere appesa a un filo-nonfilo, a uno status, a un messaggio, a un uomo o a un desiderio irrealizzabile.
Non ho la pretesa di sapere come sia meglio vivere, o quale sia il senso del vivere, ma quel poco che so in merito è che la dipendenza – da qualsiasi cosa – è la maniera più insana e infelice di stare al mondo.
E la libertà non è solo fare cose/vedere gente… la libertà è essere presenti al 100% in ogni attimo, in ogni sospiro ed emozione che fa battere il cuore… viversela senza proiettarla nel futuro, senza il limite dei doveri che ci aspettano, senza voltarsi costantemente verso un passato che - per quanto bello diventi attraverso la trasfigurazione di una memoria che raramente ricorda la verità - in definitiva è morto.
Non morite assieme a lui.

4 commenti:

  1. Ahahah io oltre a non avere smatphone, e compagnia bella non ho neanche facebook e vivo benissimo e felicemente ^_^

    RispondiElimina
  2. Hosted business phone system is an ideal solution for business now. You don't have to worry about installing any software or hardware. However, can have access to all the features large business have. The best part is the price is very affordable. It starts from about $19.50/month. You will sound as professional as fortune 500 companies. I have been using Business Phone Service from Telcan. I believe they provide Business Phone Serviceat the best price. They even gurantee to beat any lower price by 10%.

    RispondiElimina
  3. Io uso pazzamente tutti questi folli aggeggi, però cerco di non prenderla troppo seriamente... o magari la prendo già tanto seriamente ma non me ne rendo conto :)
    Tutto il gruppo ce l'ha e ci si ritrova lì dopo la serata a commentare la foto scattata a bruciapelo all'amico che beveva o mangiava o faceva una faccia idiota...
    Un modo per giocare.
    Se sono con amici e smanetto il touch magari capita che sto sentendo anche qualcuno che non c'è, ma non perché lì non mi diverta poi... normalmente me la rido parecchio quando sono fuori con amici, e il telefono è un più :)
    La cosa che detesto dei social è quanto, proprio perché qualcuno li prende seriamente e li utilizza per gli scopi peggiori, siano pericolosi per le relazioni umane...
    C'è gente che utilizza fb per acchiappare conquiste nuove e i messaggi in posta sono verognosi... quante relazioni distrutte perché il libertinaggio al quale ci si abbandona lì dentro è diventato sconvolgente.
    Forse questa è la cosa più detestabile, per me, dei social!
    Dovremmo sfruttarli per il filo diretto che ci permettono di avere con le persone, non per sputtanarci.
    Di ogni mezzo le persone ci fanno cià che preferiscono e quando un social è ben usato serve anche molto, solo che non tutti hanno lo stesso punto di vista :P

    RispondiElimina